Archivio degli articoli con tag: pesto

E così ho deciso di mandare a quel paese i progetti non riusciti, e organizzare una cena.

La prima tra amici, da quando mi sono trasferita a casa mia: a pensarci bene, la prima cena in casa da anni, se si eccettuano gli ospiti in visita dall’Italia e una cosetta con gli inquilini, prima che entrassimo davvero in rapporti. Chi viveva prima con me non amava “avere gente in casa”.

Io ancora devo decidere se mi piaccia o no: però, se popolo di voci umane ‘ste quattro mura di cartongesso, le rendo un po’ più casa, ecco.

Quello che mi è piaciuto di più non è stato scoprire che mi erano venuti al dente sia gli spaghetti che i fusilli, che ho condito con pesto fatto in casa, oppure rendermi conto che il famoso sjug era stato un successo con gli invitati. Mi ha inorgoglito il fatto di sentirmi dire dalla nuova arrivata, che di mestiere fa la guaritrice, che “non percepiva tensioni” tra i convitati, nonostante i casi della vita ci avessero messi gli uni contro gli altri più di una volta: come ex o come colleghi, e in qualche caso come “coinquilini per forza”.

Sono felice di aver stabilito relazioni in cui il dolore che ci si possa arrecare, che secondo qualche terapeuta Gestalt è inevitabile, non possa nulla contro il lavoro quotidiano per stabilire fiducia reciproca, sincerità, e la disposizione – per me così difficile – ad ascoltare, invece di parlare sempre io.

Il cammino non è esente da pericoli: per esempio, quello di intraprendere questa faticata solo per dirsi “quanto so’ bella, quanto so’ brava”. Ricordo a vent’anni qualche amica orgogliosa di organizzare uscite col proprio ragazzo, con l’ex, con la nuova dell’ex, con l’ex dell’ex… Per loro era tutto un aneddoto, da sciorinare a chi non le conoscesse: guarda, li perdono tutti, e tutti li raccolgo attorno a me. Così, però, ci soffermiamo su noi stessi e non sulla relazione, e questo diventa un problema. I rapporti d’amicizia, di amore o di lavoro si rompono perfino quando tutto fila liscio, figurarsi quando ci mettiamo a fare le primedonne.

Invece mi è piaciuto questo filo intessuto ieri tra gli elementi consolidati della mia vita, quelli che si vanno stabilizzando, e quelli che vi fanno la loro prima comparsa, per restare non si sa quanto.

Mi è capitato di chiedermi pure se questo concetto di armonia si possa estendere a un livello sociale più ampio, con le modifiche del caso.

L’altro giorno, infatti, andavo alla formazione di Mediterranea, costeggiando i ragazzetti di origine marocchina che si intrattengono fuori al Palau Alós, e mandavo un messaggio vocale ai miei. Ce l’ho ancora registrato: a un certo punto m’interrompevo, perché un tizio alle mie spalle – un adulto – aveva cominciato a gridare.”Non toccarmi, o chiamo la polizia!”. Era un cinquantenne che camminava con una busta della spesa, credo che un ragazzo gli si fosse avvicinato, o comunque avessero avuto una sorta di collisione. Non escludo che i monelli stessero sfottendo il tizio. Ma perché chiamare la polizia per un ragazzino che ti si avvicina, in una strada affollata, senza la reale possibilità di farti del male?

Adesso, a Barcellona una forte percentuale di ladri di telefonini – miei e altrui – è marocchina, che è come dire povera, senza speranze di un impiego o di una reale assimilazione al tessuto sociale. Come mi facevano notare, mesi fa, quelli del Centro euro-arabo, è l’1% della comunità a rubare, eppure le colpe ricadono su tutti. A suo tempo, se ricordate, ho replicato che non dovessero dirlo a me: sono napoletana.

Non pensavo però che dovessi ricordarmene così presto, quando ieri si sono avvicendate tre notizie: un tentativo di rapina, forse un eccesso di legittima difesa, di certo un quindicenne morto, e un pronto soccorso chiuso per la furia distruttrice dei parenti.

Ho chiesto a uno degli invitati alla cena – quello che il giorno dopo era ancora a casa mia – quale delle tre notizie, secondo lui, fosse finita in prima pagina, e lui con buonsenso britannico ha chiesto: “La morte del ragazzino?”.

Proprio quella, invece, è stata accolta dai social con commenti tipo: “Uno in meno”, “E che voleva, l’applauso?”. Ci si legge, sì, la frustrazione della cosiddetta gente perbene (espressione gettonatissima, dalle mie parti) di fronte alle rapine che la tengono sotto scacco, ne limitano gli spostamenti, e abbondano, in un posto in cui il lavoro non c’è, e pure la lingua che parli a casa determina spesso il tipo di vita che farai, il lavoro che sceglierai, l’età in cui avrai dei bambini.

Io, dalle bande di ragazzini nel centro storico di Napoli, ho avuto manrovesci sul mento nell’ilarità generale (il cappottino a pois denunciava la mia estraneità al quartiere), e mani tra le cosce, seguite dall’intimazione: “Fa’ ‘o cess’!”. Più o meno, “Taci”. Le madri di ragazzine di poco più grandi, bocciate al classico, dichiaravano orgogliose: “I servizi sociali non ci fanno paura, perché siamo una famiglia unita!”.

Io sulla mia famiglia ci scherzo spesso, lo sapete, ma so di aver avuto una fortuna sfacciata ad avercela unitissima, a prova di servizi sociali, e disposta a fare del suo meglio.

A volte non serve altro, a volte sì.

In entrambi i casi, si tratta di lavorare ogni giorno.

 

 

Risultati immagini per eating camomile flowers

Da shewhoeats.blogspot.com.es

Ok, tempo di scrivere il post cretino del mese! Il più cretino, dico, non cominciamo a sottilizzare. Ormai ho capito che vi piacciono ancora di più di quelli profondi e sofisticati, come sono io di solito.

Infatti, come ogni personcina profonda e sofisticata, faccio tutte queste cose perfettamente normali che apprezzerete presto anche voi.

  1. Mangio la camomilla! Non so che fondamento scientifico abbia, ma rovesciarmi la bustina di camomilla direttamente in bocca (prima la taglio con le forbici, malpensanti!) mi fa effetto in pochi minuti e, rispetto alla tisanina classica, non mi fa svegliare nel cuore della notte per fare tanta plin plin. Ovviamente, se ho bevuto una moka da 5 tazze alle 11 di sera non funziona granché, ma masticare margheritine aiuta. A questo punto le comprerò in erboristeria e le frullerò, per assumerle a cucchiaiate. Sì, cari umoristi antiveg, sono senza cuore.
  2. Mangio il detersivo! Ma solo ogni tanto, eh. Quando lo preparo, diciamo. Perché seguo questa ricetta profumatissima con limoni, aceto, acqua e sale, che ha il vantaggio di non richiedere il filtraggio ulteriore dei fai-da-te di questo tipo. Confesso quindi che assaggio un cucchiaino di stramacchio nel versarlo nel contenitore (una vecchia bottiglia di vetro che conteneva aceto). Sembra crema pasticcera. Perché non compro il Fairy? Beh, quello mica si mangia!
  3. Faccio il pesto con gli spinaci! Freschi, non cotti. Provate a prepararlo con gli ingredienti di sempre tranne il basilico, sostituito dagli spinaci. Recuperando un po’ di basilico provo anche con aneto, timo, menta, rucola… E dei pistacchi che ne parliamo a fa’! Amici genovesi non vi arrabbiate, ho visto cosa chiamate pizza, voi!
  4. Mi spruzzo le bombolette spray sulle scarpe! Ok, questa ve l’ho già detta qui, al punto 5. Ma la ribadisco perché è fantastica. Non fingerò che l’effetto sia lo stesso che comprare scarpe nuove, ma una volta che un paio di stivali non mi fa male voglio portarmelo nella tomba! E se si scrosta un po’ la vernice, un’altra spruzzatina ed è perfetta. Se le scarpe sono proprio da buttare, provate a farle resuscitare con bomboletta + timbrini di gomma, ce ne sono anche di più sobri, rispetto a quelli per adolescenti.
  5. Prendo i segnalibri da Sephora! Profumati e totalmente gratis. Loro vogliono che testi i loro profumi? E io vado lì, prendo le striscioline dei tester, le spruzzo con qualche fragranza e le inserisco nel libro che sto leggendo. No, non è ammesso mettere Anaïs Anaïs nei libri della Nin. Comunque in genere i profumi non li compro, li faccio così.
  6. Trasformo la verdura in spaghetti! (Sì, ecco che ritorno al cibo…) Non è necessario cambiare dieta: la pasta crudista può essere un semplice modo di trasformare l’insalata in un piatto sfizioso. Provatela di zucchine, patata dolce, carote, rape… E vi sorprenderanno il carpaccio di melenzane e il riso di cavoli. Cominciate con un pelapatate o una grattugia grossa, e se il risultato vi piace comprate lo spiralizzatore!
  7. Faccio polpette con qualsiasi cosa! Le più veloci mi vengono con le lenticchie rosse: le cuocio con abbastanza acqua per coprirle di qualche millimetro e, appena spenta la fiamma, le uccido di pangrattato e spezie. Ma in questo modo, senza fare chissà che schifezze, “impolpetto” tutti gli avanzi che si prestino, legumi soprattutto.”Tutto nella vita si può trasformare in polpette, se ci metti abbastanza pangrattato”. È il mio nuovo motto.
  8. Non butto mai l’olio! Ma stavolta non si parla di cibo perché… Ci faccio sempre il sapone. Venti minuti e via. Se vi fa paura la soda (ma no, è facile!), usate la lisciva. E se vi va ricavateci il bagnoschiuma. Che in realtà sarà senza schiuma, ma non rompete: la schiuma non lava!
  9. Mi coloro i capelli con l’ombretto! Sfumato il piano diabolico di farmeli tutti color lavanda, ho mandato al diavolo anche i gessetti appositi e uso direttamente un ombretto. L’ideale è farlo sui capelli biondissimi, ma si può sempre sperimentare. Tanto va tutto via con uno shampoo!
  10. Trasformo le mantelline in gonne! Cioè, l’ho fatto per un po’, con dei miniponchos andini di cui, diciamo, non avevo capito bene la funzione. Sì, sono scema. Però ha funzionato. Magari provo coi ponchos traforati smessi da un po’, mettendoli sopra una gonna jeans o tinta unita. Se non m’internano prima, vi faccio sapere.

E voi, cosa fate di strano stranissimo? Fatemi sapere! Magari copio.