funny-communication-meme | Rusher Rogers

Avete presente quando vi ordino di rinunciare a voler controllare tutto?

Ebbene, sono incappata in una situazione in cui il controllo ce l’avevo, o quasi. Quello che mi mancava erano informazioni.

Sto delirando? No, è che non posso dare troppi dettagli: mica so’ Dagospia! Diciamo che, tre giorni fa, una persona con cui stavo svolgendo un piccolo lavoro ha cambiato umore in un nanosecondo. Quindi ha cominciato a evitarmi, sabotando il lavoro stesso.

Rimasta sola, dopo aver citato più volte gli Squallor, mi sono detta che sapevo di avere a che fare con un personaggione umorale, e che era inutile farsi domande. Meglio andare per la mia strada, accettare le cose che non posso cambiare, ecc.

Quando sono riuscita a ottenere un cavolo di confronto, a cui mi sono presentata dopo svariate pere di camomilla, ho scoperto che il problema era stato qualcosa che avevo detto: uno scherzo generico sulla sciatteria, che era stato interpretato come una critica personale. Il bello era che la parte di lavoro svolta dall’altra persona mi sembrava troppo “leccata”, altro che sciatta! Forse era l’altra persona a sentirsi sciatta di suo (il che spiegava l’approccio “leccato” al lavoro).

Ho ripensato a quella rimpatriata che organizzavo anni fa in chat. Visto che una sola amica (che chiameremo Lucia) aveva proposto delle date per vederci, avevo commentato con: “Grazie, Lucia! Però voglio incontrare anche gli altri, eh!”. Lucia mi aveva scritto in privato: “Questa te la potevi risparmiare! Io ti dico in che giorni sono disponibile, e mi snobbi così?”. Quando le avevo spiegato cosa intendessi, lei aveva provato a buttarla sul “Vabbè, abbiamo sbagliato tutte e due: tu a esprimerti, io a interpretare”.

No, Luci’. Se tu hai problemi di autostima, o di paranoia, la colpa forse non sarà tua, ma di certo non è mia. E meno male che era un equivoco scemo. Mi è capitato invece un interlocutore molto ansioso, che si appigliava a ogni parola che gli avessi detto o scritto per vederci un attacco personale: forse ci trovava solo l’incarnazione delle sue paure.

Almeno, la persona di cui parlavo all’inizio del post ha ammesso che il nostro era un equivoco “alla Lucia”: io non c’entravo niente con le sue insicurezze. Le avevo solo subite!

Due conclusioni.

1. Vi rendete conto di quante energie ci avrebbe risparmiato un confronto immediato, che scattasse subito dopo la frase “offensiva”? Quella volta che abbiamo il controllo di una situazione, non sprechiamolo.

2. Parafrasando Thais Gibson: se vi dico venti volte che siete l’orco delle favole, non vi convincerò mai, a meno che… A meno che non crediate voi di essere l’orco delle favole!

Quindi non credeteci.